Questo sito fa uso di cookie tecnici per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
per proseguire nella navigazione cliccare su accetta per maggiori informazioni cliccare su Privacy Policy



Logo we euUna narrazione nazionalista domina attualmente le politiche nazionali italiane e il dibattito pubblico sull'UE. Questa prassi, denominata dagli esperti del settore "Nazionalismo metodologico", fa sì che il dibattito dominante all'interno di ciascuno Stato dell'UE metta l'opinione pubblica nazionale contro l'UE, come se il Paese stesso non fosse un membro dell'Unione, non facesse parte delle Istuzioni comunitarie e non contribuisse alle decisioni, alle raccomandazioni all'elaborazione e all'applicazione delle strategie e delle politiche dell'Unione Europea di concerto con tutti gli altri Paesi che non acaso si definiscono Partner. In questo gioco delle parti troppo spesso le forze politiche, le rappresentanze della società civile e del mondo economico criticano l'UE parlano della necessità di formarla, ma poche proposte specifiche e concrete vengono avanzate e discusse sia dai nazionalisti che dai sostenitori dell'UE. E spesso le critiche si basano su fake news spesso appositamente prodotte e diffuse o sull'ignoranza del funzionamento delle Istituzioni dell'Unione e sulle possibilità che la cittadinanza europea ci garantisce, ovvero sulla carenza di una reale e compiuta consapevolezza di cosa significhi oggi essere Cittadino Europeo.

Il progetto WeEU - Noi Europei si propone di far muovere i primi passi verso una maggior consapevolezza dell'essere cittadini di questa Unione Europea attraverso una serie di attività gratuite innovative, frutto dell'esperienza maturata negli anni dal CesUE e riconosciute dal MIUR per l'elaborazione dei prodromi dell'educazione civica europea per le scuole e dalla Commissione europea, mirate a

  • stimolare la coscienza civica europea in una popolazione significativamente ampia di studenti e docenti delle scuole secondarie privi una conoscenza specifica dell'UE al fine di diventare non solo studenti e docenti più consapevoli dell'essere cittadini europei ma anche promotori e moltiplicatori della comunicazione pro UE per l'opinione pubblica a tutti i livelli, costituendo il nucleo di una sfera pubblica europea;
  • coinvolgere nei dibattiti i think tank, la società civile, gli accademici, gli eurodeputati e i politici e gli amministratori locali per far conoscere il funzionamento delle Istituzioni Europee, delle politiche messe in atto dall'UE e del ruolo italiano nell'UE perché essere cittadini italiani vuol dire essere cittadini europei. Allo stesso tempo, il dibattito porterà, motu proprio, alla formulazione di proposte costruttive basate su una maggiore consapevolezza dell'UE e su quali riforme l'Europa debba attuare per rispondere in modo più efficace alle richieste dei suoi cittadini;
  • produrre strumenti di comunicazione e informazione sull'UE su base regolare e continuativa.

vai agli altri progetti recenti

 

 

Rate this item
(0 votes)