Questo sito fa uso di cookie tecnici per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
per proseguire nella navigazione cliccare su accetta per maggiori informazioni cliccare su Privacy Policy



Rassegna stampa 8-15 settembre 2017

 

Stato dell’Unione 2017: analisi e proposte

Il discorso sullo Stato dell’Unione del Presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker (Commissione europea, Stato dell'Unione 2017; testo ufficiale in inglese) è stato l’evento più atteso della settimana suscitando prevalentemente commenti positivi, sia per l’orizzonte di lungo periodo tracciato che per le iniziative concrete messe in campo.

Tra le analisi che intravedono un rilancio dell’UE e l’occasione per riforme - o almeno passi avanti decisivi – segnaliamo (oltre ai post che trovate sul nostro blog):

- Without changing treaties, Juncker changes the EU, Euractiv, Daniela Vincenti, 13 September 2017;
- Bravo Juncker, ha scelto finalmente la via del coraggio, HuffingtonPost.it, Mercedes Bresso, 14 settembre 2017;
- Ue: Juncker al Pe, programma e ambizioni di fine legislatura, Affari internazionali.it, Ferdinando Nelli Feroci, 13 settembre 2017;
- Lo “Stato dell'Unione 2017”: sulla buona rotta, Centro Studi sul Federalismo, Commento n. 115, Flavio Brugnoli, 14 settembre 2017.

Alcuni articoli evidenziano reazioni poco calorose da parte degli Stati (EU countries cool on Juncker's ideas, EUobserver, Eszter Zalan, 14 September 2017 - Paris and Berlin don’t take Juncker’s ‘Union of equality’ seriously, Euractiv, Georgi Gotev, 14 September 2017).

Un video commento esprime qualche perplessità sull’avanzamento unitario tralasciando l’integrazione a più velocità: Nathalie Tocci, Stato dell'Unione, Tocci: "Più integrazione su tutti i fronti. Ma è davvero possibile?", IAI Channel, 14 settembre 2017.

Il distaccato editoriale dell’Economist registra un impulso positivo e un cielo più sereno dopo anni di pessimismo: - Mr Juncker’s Indian summer, "The Economist", 14 September 2017.E “Le Monde” descrive le linee indicate da Juncker come “ambizioni realistiche” per l’Europa - Les ambitions réalistes de Jean-Claude Juncker pour l’Europe, "Le Monde", 14 septembre 2017.

Su alcuni aspetti come la lotta al cambiamento climatico gli ecologisti rimangono delusi e auspicano una maggiore incisività (Juncker’s pledge to ‘make the planet great again’ fails to satisfy, Euractiv, Sam Morgan, 14 September 2017) richiesta con lo “Scenario 6” da oltre 250 organizzazioni della società civile (Juncker’s secret 6th scenario already exists, Euractiv, Leida Rijnhout, Paul de Clerck (Friends of the Earth Europe), 11 September 2017)- Scenario 6 Scenario 6: Sustainable Europe for its Citizens, SDG - (Sustainable Devolopment Goals) Europe, Friends of the Earth Europe and other 253 associations and organizations, June 2017).

Proposte e percorsi per rendere protagonisti i giovani e venire incontro alle loro difficoltà vengono suggerite dallo European Youth Forum (- Future of Europe: 10 tips for the old continent from its youth, Euractiv, Anna Widegren, 12 September 2017), mentre evoca uno “Scenario civico” la ong European Citizen Action Service per venire incontro alle richieste di cambiamento sollecitate dai cittadini europei e rilevate dai sondaggi dell’Eurobarometro (A 'citizen scenario' for the future of Europe, EUobserver, European Citizen Action Service, 13 September 2017).

Una critica più radicale nei confronti dell’UE è quella espressa qualche giorno prima del discorso ufficiale di Juncker dall’economista ed ex ministro greco Varoufakis e dal movimento paneuropeo DIEM 25 (Movimento per la democrazia in Europa 25): Yanis Varoufakis: EU at risk of ‘disintegration’. Despite a growing economy, the EU must not be complacent because “structural faults” remain, Politico.eu, Quentin Ariès, 11 September 2017.

Collegio paneuropeo per il rinnovo del PE nel 2019

Si discute di prevedere per le elezioni del PE nel 2019 la costituzione di collegio elettorale paneuropeo in cui concorrano liste politiche paneuropee per l’attribuzione di 73 seggi (quelli prima spettanti al Regno Unito). Questa scelta è caldeggiata da alcuni gruppi politici e dall’Unione Europea dei Federalisti (UEF) (Some MEPs ready to pick the fight for pan-EU lists, Euractiv, Daniela Vincenti, 13 settembre 2017; - EU parliament wary of pan-European lists, EUobserver, Nikolaj Nielsen, 12 September 2017;
- Une Tête, Deux voix, Sauvons l'Europe, 13 septembre 2017), è condivisa anche da Juncker nel suo discorso sullo Stato dell’UE e da tempo vi lavora l’ex eurodeputato inglese Andrew Duff (Is the European Parliament really a serious parliament ?, Blogactive.eu, Andrew Duff, 10 September 2017).

Intanto qual è il potere effettivo dei parlamentari europei? Votewatch ne calcola l’influenza esercitata e stila una classifica: UPDATED: Who holds the power in the European Parliament? Assessing the influence of individual MEPs, VoteWatch.eu, 11 September 2017. Nel frattempo si acuisce la crisi dei gruppi euroscettici nel PE (Euroskeptics in free fall at European Parliament. Leadership battles, financial problems and looming departures spell trouble for anti-EU groups, Politico.eu, Maia de la Baume, 11 September 2017).

Riforma dell’Eurozona
Su questo argomento si segnala l’intervento dell’economista Barry Eichengreen: The Euro’s Narrow Path, Project Syndicate , Barry Eichengreen, 11 September 2017.

Brexit e dintorni
L’influenza del Regno Unito, che ha votato per la fine del primato del diritto comunitario con l’uscita dall’UE (Primo passo della Brexit, la Camera dei Comuni approva la revoca del diritto Ue, "La Stampa", 12 settembre 2017; - UK parliament passes Brexit bill, EUobserver, Benjamin Fox, 12 September 2017) sta diminuendo nel PE (British influence declines in EU parliament, EUobserver, Nikolaj Nielsen, 11 September 2017). E il fronte politico e civico contrario al distacco dall’UE si è fatto sentire con una riuscita manifestazione tenutasi a Londra il 9 settembre scorso (Calls for unity as thousands attend anti-Brexit rally in London, "The Guardian", Ben Quinn, 9 September 2017; - Thousands join anti-Brexit march through London, Euractiv, 11 September 2017).

Migrazioni e politica estera dell’UE
Il punto sull’agenda sulle migrazioni dell’UE è illustrato nel discorso dell’Alto rappresentante per gli affari esteri e la sicurezza Federica Mogherini in un discorso dinanzi al Parlamento europeo (PE) (European External Action Service - EEAS, Speech by HR/VP Federica Mogherini at the European Parliament plenary session on the recent developments in migration, Bruxelles, 12 September 2017) ma non mancano critiche alle iniziative europee (Diverting EU aid to stop migration: The EU Trust Fund for Africa, Euractiv, Fanny Voitzwinkler, 11 September 2017) mentre vi sono segnali di incapacità dell’UE a promuovere i propri valori nella cooperazione allo sviluppo (Report: EU capacity to promote ‘values’ in the developing world declining, “Euractiv”, Georgi Gotev, 13 September 2017).
L’UE sta muovendo passi ancora insufficienti e dovrà sviluppare un nuovo quadro giuridico per far fronte alla gestione dei flussi migratori (Migranti e diritti umani: una sfida giuridica aperta, Aspenia online, Alessandro Turci, 12 settembre 2017).

Cittadini europei
Pubblicata in Italia una guida e una testimonianza personali per comprendere meglio la costruzione europea: la struttura narrativa aiuta in entrambi i contributi che segnaliamo a renderli strumenti efficaci e utili anche a fini educativi (L'Europa sono io. Una guida alla cittadinanza attiva, Simone Fissolo, Torino, Il Pennino, 2017 (Consiglio Regionale del Piemonte - Consulta Regionale Europea, Gioventù Federalista Europea - GFE, AEDE)); - Mi chiamo Aziz, sono europeo e credo nell'Unione europea, Europainmovimento.eu, Nicola Vallinoto, 13 settembre 2017)

Elezioni tedesche
Con l’approssimarsi dell’appuntamento politico che deciderà il rinnovo del Bundestag e la guida del paese più grande e popoloso dell’UE, anche il futuro dell’integrazione europea dipenderà dall’esito della consultazione, al di là del clima poco entusiasmante sul piano nazionale (Germania elezioni noiose? Non se viste da Bruxelles, EUnews, Rosa Balfour, 11 settembre 2017). Per capire le sfide internazionali e le scelte strategiche che è chiamata ad affrontare è utile la lettura di uno studio Kant vs Hobbes: elements of Germany’s emerging grand strategy, Real Instituto Elcano, Ulrich Speck, 11 September 2017 Entrando nel merito delle diverse visione sull’Europa delle forze politiche tedesche una panoramica è esposta in Germany’s election: Behind consensus politics lie conflicting ideas of Europe, London School of Economics - LSE Blog, Annette Bongardt, Lorenzo Codogno, Francisco Torres, 7 September 2017. Per una presentazione delle posizioni dei principali partiti tedeschi sull’Europa si può vedere l’articolo Europe in German federal elections: What do the manifestos say?, European Council on Foreign Relations, Christel Zunneberg, 26 July 2017 e il riassunto comparato in una tabella riepilogativa delle proposte su politiche e sviluppo dell’UE nei manifesti elettorali.
Per informazioni sul sistema elettorale tedesco: Il modello elettorale e la sua storia complessa, Aspenia online, Stefano Filippone-Thaulero, 31 maggio 2017.

Riforma dell’ONU
Attendendo l’inaugurazione della 72° Assemblea delle Nazioni Unite per avere un sintetico riassunto delle proposte di riforma di cui si parla da diverso tempo si può vedere Onu: tra ambizioni di riforma e immobilismo, Affari internazionali.it, Alessandro Miglioli, Cristin Cappelletti, 11 settembre 2017.

 

Altre segnalazioni sul sito di HopEurope2 a cura di Giorgio Grimaldi